Corso di Qualifica per ASSISTENTE FAMILIARE Progetto PLUS Comune di Viterbo – CIG 5103604B3E

Concluso con 15 neo qualificati il corso per ASSISTENTE FAMILIARE finanziato nell’ambito del Progetto PLUS del Comune di Viterbo CIG 5103604B3E

VISITA LA PAGINA DEDICATA AL PROGETTO E AGLI APPROFONDIMENTI NORMATIVI

 

L’Assistente familiare è una figura professionale con caratteristiche pratico-operative, la cui attività è rivolta a garantire assistenza a persone autosufficienti e non, nelle loro necessità primarie, favorendone il benessere e l’autonomia all’interno del clima domestico-familiare.

E’ inoltre in grado di relazionarsi con la rete dei servizi territoriali, pubblici e privati, al fine di assicurare assistenza e garantire opportunità di accesso a tali servizi alle persone non in grado di svolgere in autonomia gli adempimenti connessi.

Il corso fornisce le competenze e le capacità per:

  • Relazionarsi dinamicamente con l’assistito e con la famiglia assumendo atteggiamenti coerenti con i principi di etica professionale;
  • Orientarsi nel contesto sociale ed istituzionale, in relazione all’assistenza privata domiciliare;
  • Capacità di fornire cura ed assistenza nel rispetto dei bisogni e della condizione psico-fisica dell’assistito;
  • Assistere la persona nella preparazione e nell’assunzione dei cibi;
  • Curare l’igiene degli ambienti adottando comportamenti atti a prevenire la trasmissione di malattie e gli incidenti domestici.

Della durata totale di 300 ore, è così articolato:

  1. Area della comunicazione e della relazione – 23 ore
  2. Area dei servizi sociali ed assistenza – 25 ore
  3. Area della cura e dell’accompagnamento della persona – 65 ore
  4. Area dell’alimentazione – 20 ore
  5. Area della gestione degli ambienti e della sicurezza  – 32 ore
  6. Stage – 135 ore

 

ASSISTENTE FAMILIARE: area normativa

L’ASSUNZIONE I DIRITTI DEL LAVORATORE DOMESTICO IN REGOLA CONTRIBUTI, TREDICESIMA E FERIE MALATTIA, INFORTUNIO E MATERNITA’   LA GUIDA INPS SUL LAVORO LA GUIDA INAIL “LAVORARE IN SICUREZZA”    

Vedi pagina »

ASSISTENTE FAMILIARE: la figura professionale, i vantaggi e la normativa

Il Progetto finanziato con il POR FESR Lazio 2007-2013 nell’ambito del Piano Locale Urbano e di Sviluppo (PLUS) Asse V Obiettivo Operativo 1 Attività V1 del Comune di Viterbo ha visto realizzarsi il Corso di Qualifica riconosciuta per ASSISTENTE FAMILIARE. In questa sezione vogliamo mettere a disposizione quanto utile per comprendere il funzionamento, l’andamento ed …

Vedi pagina »

CONTRIBUTI, TREDICESIMA E FERIE

CONTRIBUTI E AGEVOLAZIONI FISCALI In seguito all’iscrizione, l’Inps provvede ad aprire una posizione assicurativa in favore del lavoratore domestico ed invia al datore di lavoro i bollettini Mav  per il versamento dei contributi dovuti. Il contributo è legato alla paga effettiva oraria. Gli elementi che compongono la paga oraria sono: la retribuzione oraria concordata tra …

Vedi pagina »

I diritti del lavoratore domestico in regola

CONTRIBUTI E PRESTAZIONI   I versamenti effettuati all’INPS dal datore di lavoro consentono al lavoratore domestico sia italiano sia straniero di accedere alle prestazioni assicurative e pensionistiche di seguito elencate, se in possesso dei requisiti richiesti dalla legge. Prestazioni a carico INPS Assegno per il nucleo familiare Indennità di disoccupazione Indennità di  maternità Indennità antitubercolosi …

Vedi pagina »

L’assunzione

COSA FARE PRIMA DELL’ASSUNZIONE A seconda della provenienza e dell’età del lavoratore sono richiesti adempimenti diversi sia al datore di lavoro sia al lavoratore. Per i lavoratori italiani o di paesi dell’Unione Europea Cosa deve fare il datore di lavoro   Nel caso il lavoratore domestico sia di nazionalità italiana o di paesi della Unione Europea …

Vedi pagina »

MALATTIA, INFORTUNIO E MATERNITA’

MALATTIA Cosa deve fare il lavoratore Il lavoratore deve avvertire immediatamente il datore di lavoro, salvo cause di forza maggiore o impedimenti, entro l’orario previsto per l’inizio della prestazione lavorativa; successivamente, il lavoratore deve far pervenire al datore di lavoro, entro due giorni dal rilascio, il certificato medico rilasciato entro il giorno successivo all’inizio della …

Vedi pagina »