Responsabili Tecnici FER – Fonti Energia Rinnovabili – D. Lgs. 28/2011 – D.M. 37/2008

CHI E’ SOGGETTO AGLI OBBLIGHI DI FORMAZIONE ISTITUITI DAL DECRETO 28/2011 (e s.m.i.)

I  soggetti qualificati all’attività di installazione e manutenzione straordinaria di impianti energetici alimentati da fonti rinnovabili (FER) sono coloro in possesso dei requisiti tecnico professionali di cui alle lettere a) b) c) e d) del comma 1 dell’articolo 4 del Decreto del Ministro dello sviluppo economico 22 gennaio 2008, n. 3.

Le lettere sopra citate non indicano il tipo di qualifica professionale assegnata dalla Camera di Commercio (es. la lettera D per gli impianti idrici e sanitari), ma come tale abilitazione è stata conseguita.

Per cui le lettere;

a) corrisponde a coloro che hanno ottenuto la qualifica tramite laurea,

b) si riferisce ai diplomati,

c) ai soggetti in possesso di titolo di formazione professionale,

d) a coloro che hanno ottenuto le abilitazioni grazie all’esperienza lavorativa come operaio specializzato.

Chi intraprende l’attività risulta quindi automaticamente qualificato con una sola eccezione: coloro che, a far data dal 4 agosto 2013, abbiano inteso o intendano conseguire la qualifica ai sensi di quanto previsto dall’art.4, comma 1, lett. c) del D.M. 37/2008, i quali dovranno seguire uno specifico corso di formazione.

 

AGGIORNAMENTO TRIENNALE

A norma del comma 1, lett. f dell’allegato 4 al D.lgs. 3 marzo 2011 n.28, è inserito l’obbligo di aggiornamento.

Quest’ultimo deve avvenire con cadenza triennale, e deve avvenire attraverso la partecipazione a specifiche attività formative della durata minima di 16 ore.

La frequenza del corso è obbligatoria al 100% ed al termine viene rilasciato un attestato secondo le disposizioni di ciascuna Regione.

Al susseguirsi di varie proroghe, si è infine arrivati a fissare il termine ultimo per il primo aggiornamento entro il 31 dicembre 2019.

Entro tale data, tutti gli operatori che hanno conseguito la “qualificazione FER” (di cui all’art. 15, c. 1 del D.Lgs. 28/11 e s.m.i.), sono tenuti a partecipare ad attività formative di aggiornamento.